SHARE

Apple pay è un applicazione che è stata lanciata da poco dalla Apple, e consente di acquistare beni o servizi tramite il proprio dispositivo con una semplice app. L’applicazione può essere istallata su Apple Watch, iPad e soprattutto iPhone, rivelandosi molto versatile per i clienti. Per effettuare un acquisto bisogna scaricare l’app, registarsi e immettere i dati delle proprie carte di credito o debito, tuttavia essi non vengono memorizzati ne sul dispositivo, ne sui server della Apple, ma vengono salvati sul Secure Element(1), e ogni transazione viene autorizzata con un codice dinamico valido solo per lo specifico acquisto. Inoltre gli acquisti effettuati non vengono archiviati da Apple, lo sono solo le transazioni più recenti per una questione di comodità dell’utente. I circuiti accettati per le vostre carte di credito sono Maestro, Mastercard, Visa e V Pay.

Il pagamento è immediato e veloce basta avvicinare il dispositivo al terminale(il POS) tenendo il dito sul sensore Touch ID, o in alternativa premere due volte il tasto laterale dell’Apple Watch. Uno dei vantaggi che Apple Pay offre agli utenti è la possibilità di non registrarsi sul sito web, ogni volta che si vuole effettuare un acquisto su internet, basta semplicemente scegliere tra le opzioni di pagamento la modalità Apple Pay.

Tantissime aziende si sono aggiunte alla rete di negozi(virtuali e fisici) che accettano Apple Pay come mezzo di pagamento, e tra i “Big” troviamo Carrefour, Esselunga, H&M, MediaWorld, Unieuro e molti altri.

(1)Il Secure Element è una piattaforma hardware resistente ai tentativi di manomissione e intrusione, capace di contenere app e dati crittografati.