SHARE

Non è certo notizia di oggi che i videogame, gli E-Sport e tutto ciò che fa parte di quell’universo stiano vivendo un periodo d’oro, fra vendite, tecnologie innovative ed espansioni di vario genere. L’universo video ludico, che ha oramai più di 50 anni se contiamo il primo videogame mai realizzato (1958 – Tennis For Two) ha subito un’evoluzione fra le più grandi di tutto il settore tecnologico, in soli 50 anni infatti siamo passati da Pong, che tutti conosceremo sicuramente, a giochi con livelli grafici che rasentano la perfezione. La tecnologia stessa che si accosta al mondo dei videogame è avanzata moltissimo, puntando su realtà virtuale e realtà aumentata, vero futuro del mondo dei videogiochi.

Ma il futuro del mondo dei videogiochi è anche e soprattutto quello degli E-Sport, eventi competitivi con veri e propri club iscritti che si sfidano a suon di Pad e Tastiere per avere la meglio sull’avversario, esattamente come accade nei campi di calcio o nei palazzetti del basket, e non pensate che l’attenzione mediatica dietro questi eventi sia molto diversa rispetto a veri e propri sport nazionali. Gli E-Sport hanno infatti già raggiunto l’industria musicale e cinematografica come media a livello economico, e sono pronti a sfidare quello degli sport nazionali. Per darvi un’idea della quantità di persone che ogni giorno sono collegate online, potrei citarvi il gioco più giocato al mondo, ovvero LOL (League of Legend) che vede ogni mese oltre 300 milioni di utenti attivi. Praticamente come se gli abitanti di Italia, Francia e Germania giocassero, tutti, nessuno escluso. Senza contare la quantità, sicuramente inferiore ma altrettanto enorme, di utenza collegata a vari servizi di streaming, solamente per osservare altri che giocano, moda che ha preso piede da qualche anno grazie anche e soprattutto all’influenza di alcuni youtuber.

Nel 2022, ai Giochi olimpici Asiatici, sarà dato spazio agli E-Sport, i vari Club iscritti si sfideranno sul campo di Fifa, a colpi di fucile con Overwatch e con la strategia che contraddistingue il MoBa LOL, di provenienza appunto Cinese. Sarà sicuramente l’inizio di un grande cambiamento che porterà gli E-Sport a diventare ancora più importanti, convogliando importanti finanziamenti da parte di vari sponsor in questo universo, con un ritorno economico praticamente garantito.

Anche nel mondo del Calcio i vari Club più importanti e famosi si stanno già muovendo, con squadre come la AS Roma che ha già una controparte video ludica composta da ottimi giocatori che indossando i colori sociali de “la maggica” stanno già accumulando vittorie (Come appunto il campione mondiale di Fifa)

Oppure, il caso del giovane Lorenzo Daretti, anche lui di origini Romane come si può intuire dal suo nickname (Trastevere73) che ha mantenuto il titolo di campione del mondo del videogame Moto GP, portandosi a casa nuovamente il titolo durante l’evento di Valencia, con ospiti d’eccezione come Marc Marquez e Jorge Lorenzo.

 

Il futuro del gaming è roseo, soprattutto per chi ha intenzione di investire del denaro in qualcosa che ha un sicuro sviluppo di fronte a se, ed anche per i giovani che vogliono mettere in pratica anni e anni di allenamenti di fronte alle loro televisioni, senza più sentirsi dire che stanno buttando via il loro tempo perché alcuni di loro, i più bravi, potranno rispondere alla domanda “Che lavoro fai?” dicendo “Gioco ai Videogame”.