SHARE

Il successo avuto da Fortnite, videogame di Epic Games, è indiscutibile, quello di Apex Legends, lo stiamo vedendo proprio in questi giorni. Il gioco può piacere e non, ma sicuramente la maggior parte dei videogiocatori o pseudo tali nel mondo, lo hanno provato, anche e soprattutto grazie alla sua natura “free to play”, ovvero la possibilità di giocare il gioco gratuitamente.

E non siamo di fronte ad uno di quei discutibili casi dove il gioco viene fornito gratuitamente ma senza dei capitoli, acquistabili a parte, oppure con la possibilità di potenziarsi con l’acquisto di pacchetti aggiuntivi non obbligatori. In questo caso e in molti altri simili, il gioco è veramente un Free to play in tutti gli aspetti. Ci sono una miriade di componenti acquistabili a parte ma sono esclusivamente componenti estetici.

La modalità Battle Royale di Fortnite, entra di diritto nel Guinnes World Record

Vi domanderete ora come possa Epic Games portare a casa l’agognata pagnotta senza obbligare l’utenza a spendere un centesimo, beh, che ci crediate o meno, la quantità di giocatori disposta a spendere moltissimi soldi per le ambitissime “Skin” è davvero elevata.

Questa nuova tendenza ha preso piede già da diverso tempo, sono ormai 8 le stagioni nei 2 anni di vita di Fortnite, e giochi con una struttura simile ne sono usciti moltissimi.

La quantità di giocatori disposta a spendere moltissimi soldi per le ambitissime “Skin” è davvero elevata.

– Digipaper

L’ultimo, che sta già facendo parlare ampiamente di se, si chiama Apex Legends di EA, e pesca a piene mani da ciò che è già stato fatto nel campo dei Battle Royale, modificandolo leggermente senza snaturare il genere ma provando a dare qualcosa in più alla causa.

Un numero incredibile di utenti si stanno spostando da Fortnite verso Apex Legends…

La battaglia quindi è ampiamente aperta e vede Fortnite cominciare a perdere qualche numero nelle statistiche che lo vedevano precedentemente in vetta alle classifiche.

Il futuro dei videogiochi, più che roseo sotto l’aspetto economico, sta prendendo questa interessante piega, sicuramente spronata dall’approvazione popolare, dimostrata dagli enormi guadagni delle Software House che si stanno muovendo verso questa tipologia di gioco e probabilmente, molto presto vedremo questi titoli giocati anche a livello agonistico all’interno di qualche evento E-Sport, di cui vi abbiamo parlato in un precedente articolo. Non ci resta che attendere qualche anno per vedere se i vari Fortnite, Apex Legends e compagni, siano ancora i titoli più giocati in assoluto.